Ricerca personalizzata
Non lasciatevi abbagliare da mode ed effetti speciali che non vi servono. Il telefonino è uno strumento che usate tutti i giorni e deve rispondere alle vostre esigenze pratiche. Ecco come fare a riconoscere un CELLULARE PRATICO.


3. Rete telefonica


In questo contesto, che si propone di aiutare l'utente "comune" a scegliere un "cellulare pratico", non avrebbe senso fare un discorso approfondito su tutti gli standard adottati dalla telefonia mobile. Ecco perchè ci basterà distinguere tra telefonia GSM e telefonia UMTS (anche detta 3G, ovvero di terza generazione).
Ai fini pratici, vi basti sapere che la telefonia UMTS, permettendo una velocità di trasmissione dati superiore a quella del GSM, consente applicazioni come le videochiamate e la navigazione ad alta velocità su internet.
A questi due standard si aggiungono il numero di bande di frequenza supportate da un cellulare, che determina in quali regioni del mondo potrà essere utilizzato. Ma andiamo con ordine.

Se non avete la minima intenzione di effettuare o ricevere videochiamate (alle quali devono essere abilitati, ovviamente, entrambi gli interlocutori), nè di navigare sui siti web (in maniera comunque scomoda e spesso con costi salati), un semplice cellulare GSM risponderà perfettamente alle vostre esigenze. Chiamate, messaggi, ed un utilizzo sporadico di e-mail e del WAP, vengono supportati egregiamente da tale standard di comunicazione.



Se, viceversa, siete sicuri di utilizzare la videotelefonia, oppure di dover consultare rapidamente dei siti web con la connessione dati offerta dal vostro operatore telefonico, allora, sarà necessario che vi orientiate verso un cellulare UMTS.
Ricordate che tanto la videotelefonia quanto la navigazione web possono avere costi anche consistenti ed è quindi consigliabile che scegliate anche un piano tarrifario adatto (ne esistono di molto convenienti pensati appositamente per entrambi gli utilizzi).
Se per voi è importante l'utilizzo di internet fareste bene, inoltre, a scegliere un modello che supporti il protocollo HSDPA, che migliora le prestazioni in download.

Una volta scelto lo standard di comunicazione, pensate a quali bande di frequenza deve supportare il vostro "cellulare pratico". Se non vi spostate mai dall'Italia non avrete mai bisogno di bande differenti da quelle adoperate nel nostro paese (900 e 1800 Mhz per GSM e 2100 Mhz per UMTS).
Cellulari GSM Triband (900, 1800 e 1900 Mhz) e Quadriband (850, 900, 1800 e 1900 Mhz) possono utilizzare la rete GSM anche in altri paesi del mondo, così come cellulari UMTS multibanda (850, 900, 1700, 1900 e 2100 Mhz) funzionano con le reti 3G di tutto il globo.

© 2011 CellularePratico.it

< torna all'indice
Tutti i contenuti appartengono a CellularePratico.it © - Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione.
Cookie policy